- HOME































 - Ayrton Senna

















LOUIS ARMSTRONG ~ When You`re Smilin`~
Dmitri Shostakovich - Waltz No. 2





1
2
3
4
5


FOTOGALLERY

Gran Premio d'Italia 1971

Il Gran Premio d'Italia 1971, XLII Gran Premio d'Italia e nona gara del campionato di Formula 1 del 1971, si è svolto il 5 settembre sul Circuito di Monza ed è stato vinto da Peter Gethin su BRM. Fu l'ultimo gran premio disputato sul circuito senza chicane e anche viste le enormi velocità che le vetture raggiunsero in questa edizione, dall'anno successivo furono introdotte 2 chicane per rallentare le vetture nelle 2 curve più pericolose del tracciato, ovvero la Curva Grande e la Ascari.

  • 1° e unica vittoria per Peter Gethin - 1° e unico podio per Peter Gethin - 1° e unico giro più veloce per Henri Pescarolo
  • 1º Gran Premio per Jean-Pierre Jarier - Ultimo Gran Premio per Silvio Moser


Ferrari 312 T4

La Ferrari 312 T4, gareggiò nel 1979. Guidata dal sudafricano Jody Scheckter, ottenne il mondiale piloti e la coppa costruttori nel 1979,
 grazie anche ai punti conquistati dal compagno di squadra Gilles Villeneuve. Conquistò 6 vittorie.


Il Gran Premio degli Stati Uniti d'America-Est 1979 è stata la quindicesima, e ultima, prova della stagione 1979 del Campionato mondiale di Formula 1. Si è corsa domenica 7 ottobre 1979 sul Circuito di Watkins Glen. La gara è stata vinta dal canadese Gilles Villeneuve su Ferrari; per il vincitore si trattò del quarto successo nel mondiale. Ha preceduto sul traguardo i francesi René Arnoux su Renault e Didier Pironi su Tyrrell-Ford Cosworth. Inoltre è stata l'ultima gara per il due volte vicecampione del mondo Jacky Ickx e di Hans-Joachim Stuck.


Phil Hill  /  Ricardo Rodriguez, Ferrari, Gran premio del Belgio, Spa-Francorchamps, 1962. 

 Jacky Ickx , Ferrari 312B2 -  Monza 1972 

Alain Prost, Renault - 1982

Riccardo Patrese,Brabham BT49D - Ford Cosworth 3.0 V8. GP Mónaco 1982


Tecno PA 123
La Tecno è stata una scuderia automobilistica italiana. Fondata dai fratelli Pederzani, già costruttori di kart con la Tecnokart,
il team corse in varie categoria
 tra cui Formula 3, Formula 2 e Formula 1.

1966 la Tecno fece il debutto in Formula 3. Dopo due anni, nel 1968, arrivò la conquista del primo titolo nel campionato, a cui ne seguirono altri tre, fino al 1971. Contemporaneamente, la scuderia gareggiò pure in Formula 2. Nel 1968, Clay Regazzoni, pilota di punta, ottenne due podi e concluse il campionato al settimo posto. L'anno seguente corsero per il team pure François Cévert, che concluse terzo nella classifica finale con una vittoria, la prima per la Tecno, e Nanni Galli. Avvenne pure l'esordio (con una Formula 2, dal momento che il regolamento dell'epoca lo consentiva) al Gran Premio di Germania di Formula 1 del 1969, con al volante il pilota francese. Nel 1970 Regazzoni portò poi la scuderia alla vittoria nel campionato europeo di Formula 2.


1972 - Nanni Galli - Tecno PA123

L'esordio vero e proprio in formula 1 avvenne nel 1972 al Gran Premio del Belgio con Nanni Galli alla guida. La vettura, denominata PA123/3 e sponsorizzata dalla Martini Racing, montava un motore a 12 cilindri contrapposti (detto anche a V di 180° ) costruito dalla stessa scuderia. La stagione fu poco positiva, tanto che solo nel Gran Premio d'Austria la vettura chiuse a nove giri dal vincitore, senza essere classificata.

Nel 1973 Chris Amon giunse sesto nel Gran Premio del Belgio, regalando alla scuderia il primo e unico punto nella sua storia in formula 1. Seguirono però delle traversie nei rapporti tra lo sponsor Martini e il team. Venne infatti imposto ai fratelli Pederzani l'uso di una vettura progettata in Inghilterra al posto di quella usata sino ad allora. Monoposto che si rivelò ancora meno competitiva. Ancor prima del termine della stagione il ritiro dei finanziamenti dello sponsor Martini segnerà la fine della scuderia.


Clermont Ferrand : Il Nurburgring francese



Forse può sembrare esagerato, ma definire Clermont Ferrand come una sorta di Nurburgring d’oltralpe può sembrare meno azzardato di quanto sembri. Curve cieche, saliscendi continui e un’unico grande rettilineo; fanno del circuito del vulcano Puy de Dome un vero must per chi ama la guida. Non c’era il Masta di Spa o l’ Antoniusbuche del Nurburgring, ma il rettilineo più lungo aveva la particolarità di aumentare progressivamente, fino al 8%, la propria pendenza, fino a diventare quasi un muro che poi portava alla Manson. Poi Le Golf e il Belvederè (si, leggetelo alla francese) un tratto guidatissimo, tutto con sali scendi e pendenze variabili che costringevano i piloti a controbilanciare il banking negativo naturale del tracciato con traiettorie talmente strette da portarli spesso a mettere due ruote sulla ghiaia. 8.055 metri di striscia asfaltata larga sette metri che contornano la città di Clermont Ferrand, con tanto di passaggio attraverso borghi e quartieri della cittadina.



Il Gran Premio degli Stati Uniti d'America-Est 1978 è stata la quindicesima prova della stagione 1978 del Campionato mondiale di Formula 1. Si è corsa domenica 1º ottobre 1978 sul Circuito di Watkins Glen. La gara è stata vinta dall'argentino Carlos Reutemann su Ferrari; per il vincitore si trattò del nono successo nel mondiale. Ha preceduto sul traguardo l'australiano Alan Jones su Williams-Ford Cosworth e il sudafricano Jody Scheckter su Wolf-Ford Cosworth.

Nina Rindt - Silverstone 1969


Il Gran Premio di Germania 1970, XXXII Großer Preis von Deutschland, e ottava gara del campionato di Formula 1 del 1970, si è svolto il 2 agosto sul circuito di Hockenheim ed è stato vinto da Jochen Rindt su Lotus-Ford Cosworth, ultima vittoria in carriera per il pilota austriaco


Niki Lauda - Ferrari 312T2 Long Beach, 1977


Gran Premio degli Stati Uniti d'America 1963

Il Gran Premio degli Stati Uniti 1963 è stato un Gran Premio di Formula 1 disputato il 6 ottobre 1963 sul Circuito di Watkins Glen.
 La gara fu vinta da Graham Hill, alla guida di una BRM




Prima del via Clark rimase fermo sulla griglia a causa di un problema alla batteria, perdendo così un giro rispetto ai rivali. Alla partenzaHill e Ginther presero il comando della corsa, ma entrambi furono poi sopravanzati da Surtees, che al 7º giro passò in prima posizione. Hill, Surtees e Gurney, che aveva avuto la meglio su Ginther nelle prime fasi, si contesero le prime posizioni per gran parte della gara, ma dopo 42 tornate il pilota della Brabham fu costretto al ritiro per dei problemi al telaio.

Surtees rimase saldamente in testa fino all'ottantatreesimo passaggio, quando sulla sua Ferrari si ruppe il motore; Hill ritornò in prima posizione, conducendo fino al traguardo e conquistando la seconda vittoria stagionale davanti a Ginther, Clark (autore di una grande rimonta e del giro più veloce), Brabham, Bandini e de Beaufort, ultimo dei piloti a punti.


 McLaren M28


La McLaren M28 fu una vettura di Formula 1 prodotta in tre esemplari dalla casa costruttrice britannica McLaren, progettata da Gordon Coppuck con un telaio monoscocca d'alluminio e spinta dal tradizionale propulsore Ford Cosworth DFV. La M28 venne utilizzata nel corso della prima parte della stagione 1979.


Patrick Tambay - McLaren M28  -  Long Beach.  1979 
Il Gran Premio degli Stati Uniti d'America-Ovest 1979 è stata la quarta prova della stagione 1979 del Campionato mondiale di Formula 1. Si è corsa domenica 8 aprile 1979 sul Circuito di Long Beach. La gara è stata vinta dal canadese Gilles Villeneuve, su Ferrari; per il vincitore si trattò del terzo successo nel mondiale. Ha preceduto sul traguardo il sudafricano Jody Scheckter anch'egli su Ferrari e l'australiano Alan Jones su Williams-Ford Cosworth. Villeneuve ha conquistato l'unico Grand Chelem della sua carriera in F1, ottenendo pole position, giro veloce, vittoria e conducendo la gara per tutti i giri.


Il Gran Premio del Belgio 1961 si è svolto domenica 18 giugno 1961 sul Circuito di Spa-Francorchamps. La gara è stata vinta da Phil Hill seguito da Wolfgang von Trips e da Richie Ginther, tutti su Ferrari.

Gran Premio d'Olanda 1978

Il Gran Premio d'Olanda 1978 è stata la tredicesima prova della stagione 1978 del Campionato mondiale di Formula 1. Si è corsa domenica 27 agosto 1978 sul Circuito di Zandvoort. La gara è stata vinta da Mario Andretti su Lotus-Ford Cosworth, ultima vittoria in Formula 1 per il pilota italo-americano; per il vincitore si trattò del adodicesimo successo in carriera. Ha preceduto sul traguardo lo svedese Ronnie Peterson su Lotus-Ford Cosworth e l'austriaco Niki Lauda su Brabham-Alfa Romeo.

La Wolf presentò per la prima volta la WR6, mentre la Theodore Racing impiegò la Wolf WR4. La Lotus riuscì a riparare in tempo la 79 di Mario Andretti, danneggiata nel corso del Gran Premio d'Austria.

Nella settimana precedente il gran premio si svolsero dei test sulla pista francese del Paul Ricard, nel corso dei quali continuò lo sviluppo dell'Alfa Romeo 177, con la quale la casa milanese aveva intenzione di rientrare in Formula 1 come costruttore. I test vennero svolti da Vittorio Brambilla e Niki Lauda. Sulla vettura vennero testate le coperture della Goodyear, dopo che nei test di maggio le gomme erano state fornite dalla Pirelli. L'Alfa Romeo comunicò ufficialmente il suo interesse a creare una propria vettura, rimandando però il suo esordio all'approntamento di un nuovo propulsore. La casa milanese si dichiarava pronta a proseguire la collaborazione con la Brabham.

Il pilota olandese Michael Bleekemolen trovò un volante all'ATS, al posto di Hans Binder. Bleekemolen aveva tentato, senza successo, di qualificarsi con una March della RAM Racing/F&S Properties nell'edizione 1977 del gran premio.

Si rivide anche Danny Ongais, sempre con una Shadow dell'Interscope Racing, dopo aver saltato tutti i gran premi europei. La McLaren affidò nuovamente la sua terza vettura ufficiale a Bruno Giacomelli. Anche in questo caso furono necessarie le prequalifiche.


Peter Collins - Ferrari - Gran Premio di Monaco 1956



Il Gran Premio di Spagna 1968 fu una gara di Formula 1, disputatasi il 12 maggio 1968 sul Circuito Permanente del Jarama. Fu la seconda prova del mondiale 1968 e vide la vittoria di Graham Hill su Lotus-Ford, seguito da Denny Hulme e da Brian Redman


Jean Alesi  / Ayrton Senna, 1991


Il Gran Premio di Germania 1964 fu la sesta gara della stagione 1964 del Campionato mondiale di Formula 1, disputata il 2 agosto al Nürburgring.
La corsa vide la vittoria di John Surtees su Ferrari, seguito da Graham Hill su BRM e da Lorenzo Bandini su Ferrari.
Durante le prove, alla curva Bergwerk, avvenne l'incidente che portò alla morte del pilota olandese Carel Godin de Beaufort.


Team Alfa Romeo

Gran Premio di Gran Bretagna, Silverstone 1983 - Alain Prost  /  Rene Arnoux


Il Gran Premio di Gran Bretagna 1967 fu la sesta gara della stagione 1967 del Campionato mondiale di Formula 1, disputata il 15 luglio sul Circuito di Silverstone. La corsa vide la vittoria di Jim Clark su Lotus-Ford, seguito da Denny Hulme e da Chris Amon.


1966 Gran Premio di Monaco - John Surtees  /  Lorenzo Bandini.


Il Gran Premio d'Argentina 1974 è stata la prima prova della stagione 1974 del Campionato mondiale di Formula 1. Si è corsa domenica 13 gennaio 1974 sul Circuito di Buenos Aires. La gara è stata vinta dal neozelandese Denny Hulme su McLaren-Ford Cosworth; per il vincitore si trattò dell'ottavo, e ultimo, successo nel mondiale. Ha preceduto sul traguardo l'austriaco Niki Lauda e lo svizzero Clay Regazzoni, entrambi su Ferrari.

Quella di Hulme fu l'ultima vittoria nel Campionato mondiale di Formula 1 per un pilota neozelandese. Lauda ottenne il suo primo podio in un gara valida per il mondiale di Formula 1

Gran Premio di Gran Bretagna 1981

Il Gran Premio di Gran Bretagna 1981 è stata la nona prova della stagione 1981 del Campionato mondiale di Formula 1. Si è corsa sabato 18 luglio 1981 sul Circuito di Silverstone. La gara è stata vinta dal britannico John Watson su McLaren-Ford Cosworth; per il vincitore si trattò del secondo successo nel mondiale. Ha preceduto sul traguardo l'argentino Carlos Reutemann su Williams-Ford Cosworth e il francese Jacques Laffite su Ligier-Matra.

Gilles Villeneuve - Ferrari 126CK - Gran premio di Gran Bretagna 1981, Silverstone

L'Arrows, dopo l'abbandono dell'impegno da parte della Michelin di fornirgli le gomme migliori, si affidò agli pneumatici Pirelli, che già equipaggiavano la Toleman. Riccardo Patrese ottenne il record sul giro, in un test organizzato a Donington Park, pochi giorni prima del Gran Premio. Anche la Lotus abbandonò le coperture francesi, per tornare con la Goodyear, mentre l'Ensign passò all'Avon. L'Alfa Romeo fece esordire la versione D della 179. La Brabham testò un motore turbo fornito dalla BMW; nelle prove venne però portata la versione col tradizionale motore Ford Cosworth DFV.

Il Lotus presentò la 88B, versione aggiornata del modello 88 a doppio telaio, che era stata considerata non regolamentare, dopo una lunga battaglia legale tra la scuderia britannica e la FISA. Nel Regno Unito vi era però la regola che a nessuna vettura poteva essere impedito di prendere parte a una gara, anche in caso di giudizio negativo da parte dei commissari in merito alla sua conformità ai regolamenti. Il veicolo non regolare sarebbe escluso poi successivamente dalla classifica, a seconda della decisione del Tribunale sportivo competente. Il Royal Automobile Club (RAC) considerò comunque regolare questa nuova versione della Lotus 88; ciò però scatenò la reazione di altri team (tra cui Ferrari e Renault) che inviarono un reclamo, che però non venne accettato dagli organizzatori, che consentirono così alla 88B di prendere parte alle prove.



Nurburgring 1958 - Le  frecce rosse sono quasi  pronte per Mike Hawthorn e Phil Hill

John Surtees - Honda RA301 - Gran Premio di Monaco 1968

Ayrton Senna  - Test pre-stagione - Circuito di Imola  marzo 1994 San Marino Imola  1 Maggio 1994